Un libro non è carta ma molto, molto di più…ci racconta una storia…

Se si giudica un libro dalla copertina, si potrebbe perdere una storia bellissima.

Due birre medie grazie… ( io odio la birra) così ha avuto inizio la mia serata di ieri.

Io non ho un gruppo di amici, io ho amici; diversi, diversissimi tra loro, ognuno con una propria particolare vena di follia.

Fabio è una delle persone più singolari che io conosca, per intenderci…

Un libro usurato dal tempo e dall’uso, sfruttato, maltrattato e con una copertina priva di immagini d’impatto, un libro al quale la maggioranza di noi non si soffermerebbe mai nel dare una seconda occhiata…eppure… credetemi, così facendo ci perderemmo il piacere di sfogliare un’ opera allegra, irriverente, sarcastica ma allo stesso tempo vera e autentica in grado di trasmettere una morale del tutto inaspettata.

Immaginate… un bar per motociclisti, un bancone, due birre medie, una barista più divertita che confusa e due fratelli uguali esattamente come il giorno e la notte.

( I fratellini saremmo noi, ci siamo trovati in questo pub pieno zeppo di coppiette e per evitare ogni imbarazzo abbiamo deciso di attuare questo piccolo escamotage.)

Credetemi quando vi dico che il momento in cui la barista con assoluta convinzione  ha affermato che io e “mio fratello” avessimo lo stesso naso è stato veramente esilarante.

Ed è così che tra una birra, una risata, una battuta più o meno sarcastica e un gin lemon (perdonate la mia ignoranza non ho idea della tipologia di gin usata) ho scoperto di avere un improbabile fratello maggiore con il mio stesso naso, una vena di follia particolarmente accentuata, due vite diverse e due caratteri più simili di quanto non ci si possa immaginare; un bellissimo libro con una copertina un po’ sgualcita.

un vero amico.

 

 

libretto di istruzioni cercasi

Le cose belle capitano quando meno ce lo aspettiamo.

“Nella mia vita c’è qualcosa di nuovo, delicato, fragile, terrificante e bellissimo allo stesso tempo.”

Non sono pronta a parlarne, non sono nemmeno pronta per elaborare la cosa…         voglio solo viverla…

La paura di sbagliare accompagna ogni mio passo, il timore che tutto possa svanire in un soffio mi fa mancare il respiro ma io voglio andare avanti e voglio provare perché non esiste un libretto di istruzioni…ognuno deve fare il proprio giro e la vita va vissuta senza rimpianti.

 

Tum Tum Tum

2017-09-20 16.04.50Il passato è alle spalle…tu sei alle mie spalle.

Ti guardo andare via, ti sento andare via… non mi muovo, non ti fermo…il cuore sussulta, fa male, male da morire.                   Povero cuore… potrebbe andare in frantumi ma, niente.

TUM…TUM…TUM… sono viva.

Ti penserò; spesso, all’inizio… una tua foto, il suono della tua voce, la tua risata saranno sempre un colpo al cuore…impossibile negarlo, impossibile ignorarlo.

Ma, te lo prometto. Ogni giorno andrà sempre meglio, sarai sempre un battito più lontano dal mio cuore…non lo lascerai mai lo so, va bene così.

Adesso guardo avanti… vado avanti…                                                                                   incontro al mio futuro, incontro a nuove possibilità.

Incontro ad una storia ancora tutta da scrivere, ad una vita da vivere, ad un sogno da realizzare.

 

Questione di stelle…

Guardo la parete di fronte al mio letto, le stelle adesive incollate sopra risplendono di luce tenue nell’oscurità più completa.

Vorrei fotografarle per potervele mostrare MA proprio come per i sogni o per le emozioni che esse suscitano forse, in parte, si possono solo descrivere.
il loro chiarore in questa notte é tanto fioco quanto significativo;
appena visibile, timoroso nei confronti della fotocamera, malefico strumento.
vorrebbe catturare la loro essenza ma esistono cose che non possono essere descritte, emozioni che non si posso spiegare, caratteri che non si possono domare… la timidezza di una comune stella non potrà mai eguagliare il bagliore del sole…forse ciò la rende meno incantevole?
Ognuna a modo proprio splende; una di notte, l’altra di giorno…una abbaglia l’altra incanta…
Buona notte.

Vocine pericolose

Avete presente, quella fastidiosissima vocina petulante  e insistente, leggermente stridula che nei momenti meno opportuni si insinua nel nostro cervello portando alla nostra mente irritanti pensieri?

Ecco… è tutta la giornata che mi perseguita! Più io cerco di evitarla più questa mi infastidisce alitandomi sul collo…

Ma iniziamo dal principio!

Innanzitutto le buone notizie!! La massa sottocutanea del mio Toby dopo lunghe indagini, visite, consulti, preghiere, speranze nonché pensieri positivi è risultata essere causa di un linfonodo reattivo dovuto ad una infezione (grazie all’ antibiotico fortunatamente si sta risolvendo).

Quanta paura, quanta angoscia… almeno questa terrificante settimana finalmente si può dire conclusa e fortunatamente con una nota positiva.🎊🎉

Il lavoro é duro…ogni giorno nuove sfide, sempre più responsabilità, nessuna certezza con uno stipendio da fame ma va beh, nostante ciò non me la sento proprio di lamentarmi!

È un lavoro e ad ogni modo mi aiuta a sentirmi viva, a dare un senso alle mie giornate,        la sera sono sempre così “cotta” che non appena tocco il letto la stanchezza vince su tutto, o quasi… quasi perché c’è un senso di vuoto in me…un vuoto che non riesco o forse ho paura di colmare! 😰 in un certo senso, le mie giornate sono vuote… mi manca quel l’emozione capace di far muovere le montagne, di farti superare ogni ostacolo con il sorriso perché il sole lo hai dentro te… è trascorso così tanto tempo!! …in parte per colpa mia.

Sono una ragazza razionale, troppo! Io analizzo le situazioni, le persone, me stessa, valuto rischi percoli, pro, contro è sempre o quasi… alla fine mi tirò indietro! Fa così male avete il cuore spezzato, ed io…sono una fifona, una fifona che davvero non dovrebbe proprio parlare visto che questa situazione non è altro che colpa mia!😬

C’è un ragazzo, un uomo 39 anni. E un personaggio esordiente nel mondo dello spettacolo, (in  TV ) per qualche ragione a me totalmente sconosciuta è molto interessato  a me ed io, non faccio altro che scappare, lui mi piace ma per una razionale come me…….. che devo fare?

Io 😐 non lo so… ragione o emozione?