Start and Go

Questa mattina mi sono alzata presto per andare a camminare; non sono grassa ma le mie gambe hanno bisogno di essere tonificate.

Voglio sentirmi bella, voglio stare bene con me stessa.

Da oggi si comincia… muoversi e cercare di mantenere una dieta il più equilibrata possibile.

Ce la farò? Non ne ho idea però sono motivata.

Le cose più difficili sono trovare il tempo per l’allenamento costante e fare pasti regolari.  Purtroppo lavoro all’interno di un centro commerciale… turni improponibili, sabato e domeniche di routine per non parlare dell’inizio dei saldi previsto per questo fine settimana… chiusura alle 12.

Sento la necessità di cambiare un pochino il mio stile di vita per ritrovare un benessere psicofisico che mi manca da un po’…voglio provare a dedicare a me stessa qualche piccola attenzione in più al fine di sentirmi meglio, vedermi meglio, stare meglio con me stessa e con gli altri.

Vi lascio un paio di fotografie del mio percorso di questa mattina.

Buona giornata.

Un passo per volta verso il futuro

Ci sono momenti nella vita che arrivano, arrivano e basta.

Non li aspetti, non te li aspetti semplicemente ti ritrovi a viverli e altro non puoi fare che andare avanti, sempre avanti ascoltando solo ciò che il cuore ti sussurra.

L’amore è accettazione,compromesso, fatica, impegno ma è anche forza, unione, lealtà, fiducia e passione.

Il mio migliore amico tempo fa  è diventato il mio amante e poi il mio fidanzato ad oggi lui è il mio migliore amico, il mio amante, il mio fidanzato, il mio COMPAGNO.

Lui è la persona difficile complicata a tratti “danneggiata” che mi fa disperare ma anche quella che mi fa morire dalle risate e mi da la forza di spostare una montagna…

I mesi passati sono stati molto difficili…l’incidente ancora è un ricordo vivo nelle nostre giornate ha creato danni che ancora devono essere sanati e complicazioni a non finire…Fabio ancora dovrà essere operato.

A distanza di mesi ancora non è tornato al lavoro e il dolore è costante ma andiamo avanti…pensiamo a domani, pensiamo a noi a un futuro, ad una spalla sana e a tanti progetti che ancora dobbiamo realizzare.

Un passo per volta incontro al futuro, il nostro futuro.

2018-06-23 21.56.24

 

correre

I giorni corrono veloci…iniziano, finiscono e il tempo non basta mai.

Risate, lacrime, tristezze, malumori, batticuore tutto vive e tutto muore alla velocità della luce.

Eccomi qui…si, sono ancora viva…

Sempre uguale e sempre diversa…cosa è cambiato? Be… tanto per cominciare sono invecchiata… 24 anni… e poi… e poi… e poi niente.

Sono sempre io; un garbuglio di emozioni, casini, fragilità, insicurezze, sentimenti, freddezza, finta acidità.

Uno spirito in movimento alla ricerca di emozioni sempre nuove…( per favore, per favore non nuovi casini 😉 ) una ragazza che vuole vivere e smettere di farsi sfuggire occasioni, smettere di fare buoni propositi ma metterli in pratica! Perché la vita è una e corre veloce…troppo veloce.

 

 

Cosa posso fare?

Mi trovo su un precipizio altissimo… ho le vertigini, la nausea, male allo stomaco, crampi e una tale paura che mi fa attorcigliare le budella e tremare le gambe.

Sto davvero malissimo e non so come fare perché non posso piangere ( non riesco) e decisamente non posso crollare visto che è in questi giorni che il mio futuro lavorativo si sta concretizzando.

Come vorrei saltare quel precipizio… un attimo di coraggio, pura follia e poi il vuoto… silenzio, pace, forse…la fine di ogni dolore.

Io ci sto provando lo giuro…! Ogni giorno mi alzo armata di buoni propositi, faccio del mio meglio per essere all’altezza di ciò che gli altri si aspettano da me, mi rendo carina e cerco di essere sempre educata, gentile con tutti ma tutto questo a cosa porta? Tutto questo a cosa mi ha portato se non a continue delusioni, rifiuti, mancanze, sofferenza, cuore spezzato e solitudine?

Una storia di mesi travagliata, difficile nella quale sono sempre e solo stata usata e dove i miei sentimenti sono stati dapprima ignorati e poi snobbati senza tante riserve…

Poi… la luce… un salvagente provvidenziale… un spiraglio di speranza e pura felicità! Svanita…in uno schiocco di dita, da un momento con l’altro e senza rispetto, senza giustificazione, motivazione alcuna…tante parole, tante illusioni… tutto svanito.

umiliazione – rifiuto – inadeguatezza tutto condito con gelo indifferenza e incoerenza.

Ho paura, sono terrorizzata. Ho paura di essere io il problema, ho paura di essere sola, ho paura e sto davvero ma davvero male.

Tra le altre cose domani parto per un viaggio di lavoro di due settimane a Verona… sola in ogni senso…lontana da tutto…

che cosa devo fare? cosa posso fare?

 

 

“Un giorno, tre autunni.”

LA FRASE DEL GIORNO!!!!

NON POTEVO MOSTRARE QUELLO CHE AVEVO DENTRO.

QUESTO MI FACEVA INCAZZARE E MI TOGLIEVA IL SONNO, MI RENDEVA NEVROTICA.

Cit. da un grande capolavoro…Il rumore dei tuoi passi.

 

Questa mattina ho letto una frase che mi ha accompagnato per tutta la giornata.

” UN GIORNO TRE AUTUNNI”

Si tratta di un proverbio cinese usato quando ti manca qualcuno così tanto che un giorno pesa come fossero tre anni.

Oggi è stata per me una giornata importante, il primo giorno di un nuovo lavoro…diventerò Ottica.

Dovrei essere contenta, emozionata, entusiasta e lo sono… sono anche un’anima tormentata.

Ho intravisto la felicità dal buco della serratura…ma come al solito…

 

Ho il terrore di aver perduto la mia occasione di felicità, di averla vista volare via proprio sotto il mio naso e di non aver potuto fare nulla, di non poter fare nulla per evitarlo.

Ma la cosa più frustrante è l’incertezza, l’attesa di un confronto che per forza di cose ora non posso avere ( ancora 5 giorni) e così, vivo le mie giornate ma con un costante pensiero nella mia testa, una costante corrosione (si, questa è veramente la parola più adatta) del mio povero stomaco e della mia anima.

Un pochino melodrammatica? Forse, ma credetemi… se il ragazzo che state frequentando e inizia a piacervi…veramente… se ne va dieci giorni in spagna e per dieci giorni non vi invia nemmeno un messaggio…lo sareste anche voi…!

Cavolo!

Lasciarsi cadere

Si ha paura di migliaia di cose, del dolore, dei giudizi, del proprio cuore; si ha paura del sonno, del risveglio, paura della solitudine, del freddo, della follia, della morte. Specialmente di quest’ultima, della morte. Ma sono tutte maschere, travestimenti. In realtà c’è una sola paura: quella di lasciarsi cadere, di fare quel passo verso l’ignoto lontano da ogni certezza possibile… c’è una sola arte, una sola dottrina, un solo mistero: lasciarsi cadere, non opporsi recalcitrando alla volontà dell’ Esistenza, non aggrapparsi a niente, né al bene né al male. Allora si è redenti, liberi dalla sofferenza, liberi dalla paura.

Bukowski

 

Più facile a dirsi che a farsi mio caro Bukowski…!  0=)

verità e bolle di sapone

La più grande forma di

coraggio è la sincerità

spaventa sempre tutti

La sincerità è un po’ come una bolla si sapone… bella, perfetta, FRAGILE , potenzialmente pericolosa…

Tutti dicono di volerla, la pretendono…poi, quando la ottengono, spariscono.

Le persone vere fanno paura, inutile negarlo… rischiano di rimanere sole MA… come si fa a fingere o nascondere un’emozione? Io non sono in grado di farlo.

E va bene così… come dice sempre la mia amica silvia… Prendi e porta a casa… 😉