Cosa posso fare?

Mi trovo su un precipizio altissimo… ho le vertigini, la nausea, male allo stomaco, crampi e una tale paura che mi fa attorcigliare le budella e tremare le gambe.

Sto davvero malissimo e non so come fare perché non posso piangere ( non riesco) e decisamente non posso crollare visto che è in questi giorni che il mio futuro lavorativo si sta concretizzando.

Come vorrei saltare quel precipizio… un attimo di coraggio, pura follia e poi il vuoto… silenzio, pace, forse…la fine di ogni dolore.

Io ci sto provando lo giuro…! Ogni giorno mi alzo armata di buoni propositi, faccio del mio meglio per essere all’altezza di ciò che gli altri si aspettano da me, mi rendo carina e cerco di essere sempre educata, gentile con tutti ma tutto questo a cosa porta? Tutto questo a cosa mi ha portato se non a continue delusioni, rifiuti, mancanze, sofferenza, cuore spezzato e solitudine?

Una storia di mesi travagliata, difficile nella quale sono sempre e solo stata usata e dove i miei sentimenti sono stati dapprima ignorati e poi snobbati senza tante riserve…

Poi… la luce… un salvagente provvidenziale… un spiraglio di speranza e pura felicità! Svanita…in uno schiocco di dita, da un momento con l’altro e senza rispetto, senza giustificazione, motivazione alcuna…tante parole, tante illusioni… tutto svanito.

umiliazione – rifiuto – inadeguatezza tutto condito con gelo indifferenza e incoerenza.

Ho paura, sono terrorizzata. Ho paura di essere io il problema, ho paura di essere sola, ho paura e sto davvero ma davvero male.

Tra le altre cose domani parto per un viaggio di lavoro di due settimane a Verona… sola in ogni senso…lontana da tutto…

che cosa devo fare? cosa posso fare?

 

 

“Un giorno, tre autunni.”

LA FRASE DEL GIORNO!!!!

NON POTEVO MOSTRARE QUELLO CHE AVEVO DENTRO.

QUESTO MI FACEVA INCAZZARE E MI TOGLIEVA IL SONNO, MI RENDEVA NEVROTICA.

Cit. da un grande capolavoro…Il rumore dei tuoi passi.

 

Questa mattina ho letto una frase che mi ha accompagnato per tutta la giornata.

” UN GIORNO TRE AUTUNNI”

Si tratta di un proverbio cinese usato quando ti manca qualcuno così tanto che un giorno pesa come fossero tre anni.

Oggi è stata per me una giornata importante, il primo giorno di un nuovo lavoro…diventerò Ottica.

Dovrei essere contenta, emozionata, entusiasta e lo sono… sono anche un’anima tormentata.

Ho intravisto la felicità dal buco della serratura…ma come al solito…

 

Ho il terrore di aver perduto la mia occasione di felicità, di averla vista volare via proprio sotto il mio naso e di non aver potuto fare nulla, di non poter fare nulla per evitarlo.

Ma la cosa più frustrante è l’incertezza, l’attesa di un confronto che per forza di cose ora non posso avere ( ancora 5 giorni) e così, vivo le mie giornate ma con un costante pensiero nella mia testa, una costante corrosione (si, questa è veramente la parola più adatta) del mio povero stomaco e della mia anima.

Un pochino melodrammatica? Forse, ma credetemi… se il ragazzo che state frequentando e inizia a piacervi…veramente… se ne va dieci giorni in spagna e per dieci giorni non vi invia nemmeno un messaggio…lo sareste anche voi…!

Cavolo!

verità e bolle di sapone

La più grande forma di

coraggio è la sincerità

spaventa sempre tutti

La sincerità è un po’ come una bolla si sapone… bella, perfetta, FRAGILE , potenzialmente pericolosa…

Tutti dicono di volerla, la pretendono…poi, quando la ottengono, spariscono.

Le persone vere fanno paura, inutile negarlo… rischiano di rimanere sole MA… come si fa a fingere o nascondere un’emozione? Io non sono in grado di farlo.

E va bene così… come dice sempre la mia amica silvia… Prendi e porta a casa… 😉

Tum Tum Tum

2017-09-20 16.04.50Il passato è alle spalle…tu sei alle mie spalle.

Ti guardo andare via, ti sento andare via… non mi muovo, non ti fermo…il cuore sussulta, fa male, male da morire.                   Povero cuore… potrebbe andare in frantumi ma, niente.

TUM…TUM…TUM… sono viva.

Ti penserò; spesso, all’inizio… una tua foto, il suono della tua voce, la tua risata saranno sempre un colpo al cuore…impossibile negarlo, impossibile ignorarlo.

Ma, te lo prometto. Ogni giorno andrà sempre meglio, sarai sempre un battito più lontano dal mio cuore…non lo lascerai mai lo so, va bene così.

Adesso guardo avanti… vado avanti…                                                                                   incontro al mio futuro, incontro a nuove possibilità.

Incontro ad una storia ancora tutta da scrivere, ad una vita da vivere, ad un sogno da realizzare.

 

non è amore, non è odio, è un ricordo che vive in me.

Sei in ritardo.

Odio le persone che arrivano in ritardo, odio te che arrivi in ritardo e mi lasci qui come una stupida, vestita, truccata in attesa di te…

Da lontano ti vedo arrivare, impossibile non notarti ma quanto sei alto? Non mi vedi… Troppo impegnato a mandarmi un audio con quel maledetto affare che tu chiami telefono.

Io voglio parlare con te, non ascoltare un audio, voglio vederti, non voglio fotografie, voglio sapere quello che fai o provi e non visualizzare storie in instagram.

Mi vedi e sorridendo ti avvicini, mi fai quasi tenerezza, sembri imbarazzato.

E passato del tempo dall’ultima volta.

Vorrei abbracciarti, toccarti, non ce la faccio; non ancora…dal mio metro e sessanta alzo lo sguardo per cercare il tuo, sorrido.

Un sorriso vero, un sorriso raro, un sorriso ormai spento.

 

Ho odiato e amato il nostro ultimo incontro, mille altre volte lo ripeterei.

Nessun rimpianto, nessun rimorso solo la tua mancanza ed una velata malinconia per ciò che poteva essere e non è stato.

Vorrei odiarti perché mi hai ferito più profondamente di quanto tu possa pensare, più profondamente, di quanto io sia disposta ad ammettere perfino con me stessa ma non posso.

Non posso odiare te più di quanto io non possa odiare me stessa, ciò che mi hai fatto provare, la persona che mi hai fatta diventare.

Non è amore, non è odio è un ricordo che vive in me.