Ama la goccia che fa traboccare il vaso, è nascosto lì dentro ogni cambiamento.

Poggio una mano sopra il mio cuore e sento il mio battito… Regolare.

Gli ultimi mesi sono stati molto difficili; in costante lotta contro quell’istintiva, primitiva parte di me che avrebbe voluto darsi alla fuga, nascondersi, trovare un riparo sicuro da quello spietato, viscido, subdolo senso di inadeguatezza ed impotenza che dal cervello scende, ti scorre nelle vene e ti blocca, ti fa irrigidire, ti bruciano gli occhi a forza di cercare di trattenere le lacrime o se non ci si riesce nel continuo tentativo di asciugarsele per impedire di mostrare debolezza o ancor peggio dare conferma della propria inadeguatezza.

Mordersi la lingua, forte, per impedirsi di urlare il proprio disagio.

Sono una persona sensibile, una ragazza terrorizzata dal mondo che si estende al di fuori del proprio rifugio ma cerca di farsi coraggio come può, affrontando questo mondo con tutta la dignità, il rispetto e la buona volontà che le sono possibili.

Purtroppo ciò non basta… servono astuzia, prepotenza, arroganza e cattiveria per farsi largo in questa vita. Che banale luogo comune direte voi… avete ragione! Sono cose che si sanno, che si dicono ma è quando ci si sbatte contro con la forza di un’uragano che ci si rende effettivamente conto di quanto si debba essere armati fino a denti per poter sopravvivere…

Anche se… continuo a pensare che l’arma più potente rimanga la buona educazione.

Sempre e comunque, se sei maleducato sei un cretino in partenza.

 

 

Questione di stelle…

Guardo la parete di fronte al mio letto, le stelle adesive incollate sopra risplendono di luce tenue nell’oscurità più completa.

Vorrei fotografarle per potervele mostrare MA proprio come per i sogni o per le emozioni che esse suscitano forse, in parte, si possono solo descrivere.
il loro chiarore in questa notte é tanto fioco quanto significativo;
appena visibile, timoroso nei confronti della fotocamera, malefico strumento.
vorrebbe catturare la loro essenza ma esistono cose che non possono essere descritte, emozioni che non si posso spiegare, caratteri che non si possono domare… la timidezza di una comune stella non potrà mai eguagliare il bagliore del sole…forse ciò la rende meno incantevole?
Ognuna a modo proprio splende; una di notte, l’altra di giorno…una abbaglia l’altra incanta…
Buona notte.

Impressioni

Sperare di sbagliarsi, illudersi si aver frainteso fino all’ultimo secondo e poi…la cruda realtà…

Sempre saputa, da tempo taciuta, ora rivelata, la veritá.eppure…

ugualmente sconcertante.

Ci sono momenti nella vita che inevitabilmente arrivano…eppure…nonostante la consapevolezza non siamo mai veramente preparati…tutto andrà avanti, lo shock passerà, lo straordinario diverrà ordinario…tutto cambierà…

E io……
Mi aggrappo alle poche certezze che ho con tutto l’amore la speranza e la fiducia in un futuro che temo…cercando di ricordare che oggi è il futuro che ieri temevo 

Vocine pericolose

Avete presente, quella fastidiosissima vocina petulante  e insistente, leggermente stridula che nei momenti meno opportuni si insinua nel nostro cervello portando alla nostra mente irritanti pensieri?

Ecco… è tutta la giornata che mi perseguita! Più io cerco di evitarla più questa mi infastidisce alitandomi sul collo…

Ma iniziamo dal principio!

Innanzitutto le buone notizie!! La massa sottocutanea del mio Toby dopo lunghe indagini, visite, consulti, preghiere, speranze nonché pensieri positivi è risultata essere causa di un linfonodo reattivo dovuto ad una infezione (grazie all’ antibiotico fortunatamente si sta risolvendo).

Quanta paura, quanta angoscia… almeno questa terrificante settimana finalmente si può dire conclusa e fortunatamente con una nota positiva.🎊🎉

Il lavoro é duro…ogni giorno nuove sfide, sempre più responsabilità, nessuna certezza con uno stipendio da fame ma va beh, nostante ciò non me la sento proprio di lamentarmi!

È un lavoro e ad ogni modo mi aiuta a sentirmi viva, a dare un senso alle mie giornate,        la sera sono sempre così “cotta” che non appena tocco il letto la stanchezza vince su tutto, o quasi… quasi perché c’è un senso di vuoto in me…un vuoto che non riesco o forse ho paura di colmare! 😰 in un certo senso, le mie giornate sono vuote… mi manca quel l’emozione capace di far muovere le montagne, di farti superare ogni ostacolo con il sorriso perché il sole lo hai dentro te… è trascorso così tanto tempo!! …in parte per colpa mia.

Sono una ragazza razionale, troppo! Io analizzo le situazioni, le persone, me stessa, valuto rischi percoli, pro, contro è sempre o quasi… alla fine mi tirò indietro! Fa così male avete il cuore spezzato, ed io…sono una fifona, una fifona che davvero non dovrebbe proprio parlare visto che questa situazione non è altro che colpa mia!😬

C’è un ragazzo, un uomo 39 anni. E un personaggio esordiente nel mondo dello spettacolo, (in  TV ) per qualche ragione a me totalmente sconosciuta è molto interessato  a me ed io, non faccio altro che scappare, lui mi piace ma per una razionale come me…….. che devo fare?

Io 😐 non lo so… ragione o emozione?